lunedì 27 giugno 2016

Teatri di Pietra Lazio 2016 / Il Calendario di Villa di Livia/ Roma

XVII edizione - Teatri di Pietra Lazio 2016 -
dal 30 giugno al  5 luglio 2016
 
OPRAPRIMA


VILLA DI LIVIA
Via di Villa Di Livia (Prima Porta/Roma)

 
orario : 18,30 - visita nella Villa di Livia e performance
ingresso 8 euro - ridotto : convenzionati / associazioni / studenti
info&prenotazioni : teatridipietra@gmail.com
whatsapp 333 709 7449 / teatridipietra.blogspot.it
biglietti online : www.bigliettoveloce.it

Con OPRA PRIMA – progetto dedicato ai testi e ai soggetti ancora da “mettere in scena” - si apre un nuovo segmento dei Teatri di Pietra, la rete volta alla valorizzazione dei teatri antichi e del patrimonio monumentale attraverso lo spettacolo dal vivo:
da giovedi 30 giugno,“Dimmi Tiresia” di e con Luisa Stagni, sabato 2 luglio “Mio fratello il Minotauro” di Lia Migale con Sabrina Scuccimarra e martedi 5 luglio “ERO e LEANDRO: dont’ask me more “ di Alma Daddario con Silvia Siravo. Orario 18,30 per consentire la visita alla Villa e inizio della performance alle 19,00





giovedi 30 giugno DIMMI, TIRESIA
Poema teatrale in otto quadri
di Luisa Stagni
Lettura del testo: Gianluca Amatori, Chiara Buccolini, Luisa Stagni.

Il vecchioTiresia ci narra del suo bizzarro, tragico destino; di quando fu donna e di quando fu uomo, e dell’incontro con gli dei e dell’eterna, ingiusta, punizione
La Veggenza a lui concessa dagli dei, è un grande peso, una insostenibile condizione umana, un conflitto reso eterno. Destino e punizione: vedere e sapere ciò che accadrà e non desiderarlo . Conoscere le sorti della Terra, sapere di quell’insostenibile futuro che si negherà ai propri figli, imbrigliandoli in un presente senza fine e nulla poter cambiare.



sabato 2 luglio MIO FRATELLO IL MINOTAURO
di Lia Migale
Lettura del testo: Sabrina Scuccimarra

I due racconti: “Mio fratello il Minotauro” e “Arianna e Dioniso” prendono lo spunto dal mito di Arianna. Arianna che sa entrare e uscire dal Labirinto e che permette a Teseo di uccidere il Minotauro rivelandogli il segreto per tornare indietro. Ma Arianna è anche la donna abbandonata e fatta morire su uno scoglio, insieme al figlio appena partorito, proprio da Teseo. E poi Arianna è la sposa di Dioniso il dio dell’ebbrezza. Ma perché Arianna si fa complice di Teseo nell’uccisione del fratellastro? Perché Teseo uccide la donna amata? Perché Dioniso sceglie Arianna e perché Arianna non è mai presente nei baccanali e nelle feste dionisiache? Le risposte a queste domande formano la trama dei due racconti. Nel primo ci sono l’amore innocente di Arianna verso il Minotauro e l’amore incosciente verso Teseo. C’è il rancore verso il fratellastro e la vendetta ordita con freddezza. Nel secondo, c’è la donna abbandonata che deve scegliere la consapevolezza per poter sopravvivere: la consapevolezza e la libertà.



martedi 5 luglio ERO e LEANDRO: dont’ask me more
di Alma Daddario
Lettura del testo: Silvia Siravo

Il mito racconta dell’amore nato tra Ero, sacerdotessa di Afrodite a Sesto, e Leandro, un giovane di Abido città della sponda asiatica dell’Ellesponto. Essendo consacrata a una dea, Ero non poteva unirsi a un uomo ma Leandro, innamoratosi di lei, tutte le sere attraversava di nascosto a nuoto il mare per incontrarla, accompagnato dalla luce di una torcia che Ero teneva accesa vicino alla spiaggia. Ma in una notte di tempesta, la torcia si spense e Leandro annegò. Ero lo attese invano, e quando al mattino trovò sulla spiaggia il corpo di lui privo di vita, per il gran dolore si gettò da una torre.
Nella trasposizione contemporanea del mito, la mia Ero diventa una ballerina, segregata dai genitori e consacrata alla danza. Leandro è un giovane musicista, incontrato per caso in riva al mare. Pur di frequentare l’amata, Leandro la raggiunge di nascosto ogni sera, non a nuoto, ma cavalcando una potente moto. Anche qui il destino gioca la sua parte: Leandro perderà la vita in un incidente durante una notte di tempesta. La voglia di assoluto sublimata in un sentimento eterno è un archetipo che anticipa tutte le storie di amori impossibili nel mito come nella letteratura, come in Orfeo ed Euridice, Romeo e Giulietta o West Side Story.




Nessun commento:

Posta un commento