domenica 30 giugno 2013

E con il Lazio partono i Teatri di Pietra 2013, Arco di Malborghetto e Anfiteatro di Sutri dai primi di luglio

 
 





E con il Lazio partono i Teatri di Pietra 2013, Arco di Malborghetto e Anfiteatro di Sutri dai primi di luglio.

 COMUNICATO

Parte del Lazio la XIV edizione dei Teatri di Pietra Lazio, rete culturale per la valorizzazione dei teatri antichi e dei siti monumentali attraverso lo spettacolo dal vivo, ideata da Pentagono Produzioni e Circuito Danza Lazio in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Roma per l'area di Malborghetto e con la Soprintendenza dell'Etruria Meridionale per l'Anfiteatro di Sutri, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Lazio .

Da giovedi 4 a domenica 28 luglio sono previsti tredici appuntamenti di teatro, teatro musicale e danza interamente dedicati ai temi classici e del Mediteranneo. Numerose le novità di questo stagione che vede accanto a protagonisti più conosciuti come Manuela Mandracchia, Ernesto Lama, Sebastiano Tringali una folta schiera di artisti tra cui sono da segnalare le presenze internazionali di Nigar Hasib e Shamal Amin per “No Shadow” e Ismaila Mbaye e Djibril Gningue per “Orpheus” di Daniela Giordano.

Si parte giovedi 4 dall'Arco di Malborghetto – legato all'imperatore Costantino ...in hoc signo vinces..- sulla via Flaminia alle porte di Roma con l'anteprima nazionale de “L'oracolo di Delfi” ilarotragedia in forma di teatro musicale ispirata alla sacerdotessa Pizia e all'indovino Tiresia, protagonisti Ernesto Lama, la cantante siciliana Miriam Palma e Sebastiano Tringali. Le musiche originali eseguite dal vivo di Marcello Fiorini e un coro di danzatori e attori completano una messa in scena ispirata al tema della preveggenza e alla fasità degli oracoli. Replica il 5 , in apertura della manifestazione, all'Anfiteatro di Sutri .

A seguire un'altra anteprima ( 7 a Malborghetto e 9 a Sutri) con “Caligola” dove un doppio Caligola - tutto al femminile interpretato da Valentina Capone e Cinzia Maccagnano- è contrastato dal filosofo Cherea affidato a Sebastiano Tringali . Tra gli interpreti Luna Marongiu, Carlotta Bruni, Rosa Merlino e la giovane Roberta Rosignoli. Le musiche originali sono composte da Lucrezio DeSeta.
Quindi ( 12 a Malborghetto e 13 a Sutri) l' ” Antigone” di Jean Anouilh a firma di Maurizio Panici per ARGOT- Compagnia Dei Giovani , produzione che nel maggio scorso ha ottenuto numerose nomination al premio Teatro Giovani .
Quattro interpreti femminili - Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti e Mariangeles Torres - sono le protagoniste di una intensa rilettura delle Troiane - Variazioni sul mito, recentemente presentato al Festival del Teatro Antico di Tindari.( 18 a Malborghetto e 19 a Sutri).
Con il mito di Orfeo riletto da Daniela Giordano in scena la presenza di artisti internazionali: per la danza Jean Ndiaye su coreografie di Lamine Dabo e le musiche originali eseguite da Ismaila Mbaye e Djibril Gningue (18 a Sutri e 28 a chiusura di Malborghetto) Un unico appuntamento – il 20 a malborghetto – per lo spettacolo di successo internazionale “No Shadow” del Lalish Theatrelabor (Vienna) di e con Nigar Hasib e Shamal Amin , ospite pluripremiato di numerosi festivals Internazionali . La chiusura delle manifestazioni all'Anfiteatro di Sutri è affidata a Fantasia, ultima creazione del coreografo Mvula Sungani – guest Emanuela Bianchini, che immagina un luogo in cui il reale si intreccia con l'irreale, in cui tutto può accadere in cui i sogni possono diventare realtà'.... La danza spinta fino all'estremo diventa un acrobalance e teatro-circo, dove l'interprete si fa protagonista di un teatro globale che unisce danza, musica, parola e circo. Il 26 luglio la commedia “Le Rane - Malincommedia sull’orlo del mondo” , con la regia di Cinzia Maccagnano propone una tragicomica visione del presente in cui le rane sono metafora e creature che stanno tra la vita e la morte, tra il sogno e l’incubo, tra la realtà e la finzione.
Otto opere in cui il tema classico e del mito diventano “ materia sensibile” per approcciare il contemporaneo attraverso il rito del teatro in luoghi in cui paesaggio, storia e arte rappresentano un unicum straordinario e irripetibile.

Spettacoli ore 21,15/ biglietteria presso il sito/ prevendite abituali/ ingresso 12 euro

Nessun commento:

Posta un commento